Di Maio, svelato il piano da 716 milioni per sostenere l’export

3 Marzo 2020, di Alberto Battaglia

L’Agenzia per il commercio estero, ha messo a disposizione 316 milioni di euro per fronteggiare la crisi degli esportatori italiani, cifra che si somma ai 400 milioni di euro stanziati dal fondo Sace-Simest per l’internazionalizzazione delle imprese.
Lo ha annunciato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel corso dell’incontro straordinario con i rappresentanti delle imprese italiane. L’iniziativa si inserisce in un contesto di oggettive difficoltà per le imprese italiane, che devono fare i conti con le conseguenze dell’epidemia di coronavirus.

 

Un totale di 716 milioni di euro” che serviranno a sostenere il Made in Italy in questa delicata fase di emergenza sanitaria: “vi assicuro che li vogliamo spendere al meglio”. “Credito alle imprese, una campagna straordinaria di comunicazione per il marchio Italia e le informazioni per l’internazionalizzazione”, saranno fra i cardini del piano annunciato oggi.

“Il piano straordinario è aperto a tutti i suggerimenti e le sollecitazioni delle aziende, non è un piano chiuso perché deve tener presente delle difficoltà”, ha detto Di Maio.

“L’Ice finanzierà il 100 per cento delle spese a tutte le aziende che hanno avuto difficoltà in organizzare fiere, fino al marzo 2021 le aziende potranno prendere parte a iniziative all’estero di Ice senza versare la quota di partecipazione, mentre dal primo aprile di quest’anno Ice offrirà servizi gratuiti ai propri dipendenti in 78 uffici all’estero e anche in italia”, ha annunciato il ministro.