Petrolio russo, Ue valuta embargo soft. Victor Orban si oppone

30 Maggio 2022, di Alessandra Caparello

Falliti i tentativi domenica di raggiungere un accordo sull’embargo del petrolio russo, l’Unione Europea continuerà a lavorare per trovare un punto comune. Nel fine settimana Budapest ha espresso il proprio sostegno a una proposta della Commissione europea che prevede l’applicazione di un embargo al petrolio russo “soft”, ossia sanzioni solo all’oro nero russo portato nell’UE da navi cisterna, consentendo a Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca, importatori di energia senza sbocco sul mare, di continuare a ricevere il petrolio russo tramite oleodotti fino a quando non saranno trovate fonti alternative.

I colloqui sono in gran parte ostacolati dall’Ungheria, uno dei principali consumatori di petrolio russo, il cui leader Viktor Orban è in rapporti amichevoli con il presidente russo Vladimir Putin.

Circa il 36% delle importazioni di petrolio dell’UE proviene dalla Russia, un Paese che svolge un ruolo di primo piano nei mercati petroliferi mondiali. La Russia è il terzo produttore mondiale di petrolio, dopo gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, e il più grande esportatore di greggio sui mercati globali. Il Paese è anche un importante produttore ed esportatore di gas naturale.

Prezzi petrolio ancora in salita

In tutto ciò, i prezzi del petrolio sono saliti, mentre gli operatori di mercato monitorano attentamente la prospettiva che il più grande blocco commerciale del mondo accetti di imporre un divieto sulle importazioni di petrolio russo. I futures del greggio Brent sono saliti dello 0,6% a 120,17 dollari al barile a Londra, mentre i futures del West Texas Intermediate statunitense sono saliti dello 0,7% a 115,90 dollari.

I prezzi dell’energia, già alti all’inizio dell’anno, sono saliti alle stelle da quando Putin ha lanciato la guerra contro l’Ucraina a fine febbraio.

Le sanzioni proposte sulle importazioni di petrolio farebbero parte del sesto pacchetto di sanzioni dell’UE contro la Russia da quando ha invaso l’Ucraina quasi 100 giorni fa. Le cinque precedenti serie di misure sanzionatorie hanno incluso, tra l’altro, la restrizione dell’accesso ai mercati dei capitali, il congelamento dei beni della banca centrale russa, l’esclusione delle istituzioni finanziarie russe da SWIFT e il divieto di importazione del carbone russo e di altre materie prime.

I colloqui per l’imposizione di un embargo sul petrolio sono in corso dall’inizio del mese, anche se non sono stati compiuti progressi tangibili da quando la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato che gli Stati membri avrebbero bandito tutto il petrolio russo dall’Europa.

“Oggi stiamo affrontando la nostra dipendenza dal petrolio russo. E siamo chiari: non sarà facile, perché alcuni Stati membri dipendono fortemente dal petrolio russo, ma dobbiamo farlo”, ha detto von der Leyen al Parlamento europeo il 4 maggio, suscitando gli applausi dei legislatori.

Si sperava che i leader potessero raggiungere un accordo in tempo per il vertice di lunedì-martedì a Bruxelles, in Belgio e il mancato raggiungimento di un accordo di qualsiasi tipo verrebbe probabilmente salutato come una vittoria di Putin.

Il capo della politica estera dell’UE, Josep Borrell, ha dichiarato all’emittente France Info che un accordo potrebbe essere raggiunto entro oggi pomeriggio, secondo quanto riportato dalla Reuters. Il primo ministro estone Kaja Kallas, invece, ha dichiarato che non è realistico aspettarsi un accordo per oggi. I funzionari ucraini hanno ripetutamente insistito affinché l’UE imponga un embargo totale sul petrolio e sul gas russo, mentre i Paesi importatori di energia continuano a rimpinguare quotidianamente il forziere di Putin con i proventi del petrolio e del gas.

Un’analisi del gruppo Transport and Environment mostra che la potenza militare della Russia è stata rafforzata da 285 milioni di dollari di pagamenti petroliferi effettuati ogni giorno dai Paesi europei. In effetti, le entrate derivanti dal petrolio e dal gas russo sono state considerate responsabili di circa il 43% del bilancio federale del Cremlino tra il 2011 e il 2020, evidenziando come i combustibili fossili svolgano un ruolo centrale per il governo russo.

“Dato che la Russia è un importante produttore ed esportatore di greggio e prodotti raffinati, un embargo sulle vendite causerebbe un notevole dolore finanziario”, ha dichiarato Tamas Varga del broker petrolifero PVM.

“D’altra parte, in assenza di ulteriori misure di ritorsione, l’UE continua a finanziare la Russia nel conflitto. Nei primi tre mesi di guerra, ha acquistato energia per un valore di 60 miliardi di dollari, una ricetta che non è certo in grado di mettere a dura prova l’invasore”. “Questo lo ammette anche l’UE. Ciò che si sta discutendo seriamente è se le sanzioni siano il modo migliore per punire la Russia o se l’imposizione di tariffe sia più efficace.