Petrolio in rialzo. Pesano i timori sui rialzi dei tassi della Fed

25 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono aumentati lunedì con scambi altalenanti, poiché il mercato ha bilanciato i timori sull’offerta con le aspettative che l’aumento dei tassi di interesse statunitensi indebolirà la domanda di carburante.

I future sul greggio Brent per la liquidazione di ottobre sono aumentati dell’ 1,00%, a $ 99,43 al barile, mentre i future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono aumentati dell’ 1.61%, a $ 96,20 al barile. “Un dollaro Usa leggermente più debole e il miglioramento dei mercati azionari stanno sostenendo il petrolio“, ha affermato l’analista petrolifero di Ubs Giovanni Staunovo.

I future sul petrolio sono stati volatili nelle ultime settimane poiché i trader hanno cercato di conciliare le possibilità di ulteriori rialzi dei tassi di interesse, che potrebbero limitare l’attività economica e quindi ridurre la crescita della domanda di carburante, contro la scarsa offerta dovuta alle interruzioni nel commercio di barili russi a causa delle sanzioni occidentali per la guerra in Ucraina. “I crescenti timori di recessione a livello globale suggeriscono che i guadagni saranno probabilmente limitati nel breve termine, geopolitica a parte”, ha affermato Jeffrey Halley, analista di mercato senior di Oanda.

Cosa sta influenzando il prezzo del petrolio

La Cina, la seconda economia più grande del mondo, ha mancato di poco una contrazione nel secondo trimestre, crescendo solo dello 0,4% su base annua, appesantita dai lokcdown per il COVID-19, da un settore immobiliare debole e da un sentiment cauto dei consumatori.

La National Oil Corporation (NOC) della Libia ha dichiarato che mira a riportare la produzione a 1,2 milioni di barili al giorno in due settimane, da circa 860.000. Ma gli analisti si aspettano che la produzione della Libia rimanga volatile poiché le tensioni sono ancora elevate.

Inoltre sarà essenziale capire come evolverà la situazione con la Russia: “Le aspettative sono che l’offerta petrolifera russa diminuirà nei prossimi mesi, a causa dell’imposizione di un tetto sul prezzo del petrolio”, ha affermato Warren Patterson, capo delle materie prime strategia presso ING.

L’Unione Europea ha dichiarato la scorsa settimana che consentirà alle compagnie statali russe di spedire petrolio verso paesi terzi, in base a un adeguamento delle sanzioni concordate dagli Stati membri la scorsa settimana, allo scopo di limitare i rischi per la sicurezza energetica globale.

Tuttavia, la governatrice della Banca centrale russa Elvira Nabiullina ha dichiarato venerdì che la Russia non fornirà petrolio ai paesi che hanno deciso di imporre un tetto al suo prezzo.