PETROLIO: BP AMOCO BRUCIA TAPPE ESPANSIONE

11 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

BP Amoco (BPA) ha annunciato l’aumento della spesa in conto capitale da $12 miliardi a $13,5 miliardi annui per i prossimi tre anni.

L’espansione prevede l’investimento di $8 miliardi per la ricerca e la produzione di gas naturale, $2 miliardi in piu’ di quelli allocati dalla rivale Royal Dutch/Shell Group ed e’ indirizzata ad aumentare la produzione di petrolio del 4%-5% e del gas dell’8%-10%, dopo due anni di produzione stagnante per l’intero settore.

Il greggio infatti dopo essere rimasto attorno ai $18 al barile dalla fine della guerra del Golfo, ha raggiunto la quota minima al di sotto dei $10 al barile nel 1998 e le maggiori societa’ petrolifere hanno avuto difficolta’ a matenersi al di sopra della riga rossa.

Ora il petrolio, appena al di sotto dei $30 al barile, e’ vicino ai livelli piu’ alti degli ultimi nove anni e per i giganti dell’industria e’ il momento di espandersi.

Senza pero’ dimenticare di limitare i costi. BP Amoco, infatti, mira sempre a risparmiare entro la fine del 2001 $5,8 miliardi e ha gia’ raggiunto l’80% dell’obiettivo.

Gli analisti sono certi che affiancando l’aumento della produzione al taglio delle spese gli utili potranno essere migliorati del 10%.