Petrolio ai minimi da 9 mesi. Cosa sta succedendo

26 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio si sono stabilizzati lunedì, rimbalzando dopo essere scesi ai livelli più bassi degli ultimi nove mesi, dopo che sono emersi dubbi sulla possibilità che l’Ue imponga un tetto massimo al prezzo del petrolio russo, a causa dei timori di recessione e di un dollaro sempre più forte.

I future sul greggio statunitense sono saliti dell’1,60% a 80 dollari al barile, mentre il contratto Brent è salito dello 1,36% a 86,19 dollari. Entrambi i contratti sono scesi in precedenza ai livelli più bassi dall’inizio di gennaio, dopo essere scesi di circa il 5% nella sessione venerdì.

La Commissione Europea ha incontrato gli Stati membri nel fine settimana per cercare di trovare un compromesso su un pacchetto di misure restrittive per punire la Russia per la sua invasione dell’Ucraina.

Tuttavia, Bloomberg ha riferito che le nazioni dell’Ue stanno cercando di raggiungere un accordo sull’imposizione di un tetto massimo al prezzo del petrolio russo, con Cipro e Ungheria tra i paesi che hanno espresso opposizione alla proposta.

Il presidente russo Vladimir Putin la scorsa settimana ha annunciato unamobilitazione parziale delle truppe e spinto per il “referendum” sull’annessione nelle aree dell’Ucraina che sta ancora occupando.

Tuttavia, il sentiment nel mercato del greggio rimane debole, colpito duramente dall’aggressiva stretta monetaria da parte delle banche centrali, guidate dalla Federal Reserve statunitense, mentre cercavano di controllare l’inflazione ai massimi storici, a scapito della crescita futura.

Il dollaro riduce la domanda di petrolio

Un sottoprodotto del forte inasprimento della Fed è stato un dollaro Usa molto forte, con l’indice del dollaro, che misura il biglietto verde contro un paniere di valute principali, che ha raggiunto oggi il massimo da 20 anni.

La forza del dollaro tende a ridurre la domanda di materie prime, incluso il petrolio, che sono denominate in biglietto verde in quanto le rende più costose per gli acquirenti stranieri.

L’attenzione si sta spostando sulle mosse dei paesi membri dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio e gli alleati, noti insieme come Opec+, quando si incontreranno il 5 ottobre, dopo aver concordato un taglio simbolico della produzione nella riunione precedente.

Tuttavia, l’Opec+ sta producendo ben al di sotto della sua produzione prevista, il che significa che un ulteriore taglio potrebbe non avere un grande impatto sull’offerta. I dati della scorsa settimana hanno mostrato che l’Opec+ ha mancato il suo obiettivo di 3,58 milioni di barili al giorno ad agosto, un calo maggiore rispetto a luglio.

“Se non è già lì, il mercato si sta muovendo verso livelli in cui l’OPEC+ si sentirà a disagio. Il gruppo dovrebbe incontrarsi la prossima settimana. Potrebbe essere un incontro interessante”, scrivono gli analisti di Ing.

Gli ultimi dati sul posizionamento del greggio hanno mostrato che gli speculatori hanno incrementato le loro posizioni lunghe nette in entrambi i contratti benchmark a partire da martedì scorso.

“Questa mossa è stata guidata esclusivamente dallo short covering, piuttosto che dall’ingresso sul mercato di nuove posizioni long. Data la debolezza del mercato da martedì, è probabile che gli speculatori abbiano ridotto questa posizione”, ha concluso Ing.