Il Petrolio balza del 3% dopo la possibile riduzione dell’offerta

23 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

Oggi il petrolio è salito di quasi il 3% quando la riduzione dell’offerta di greggio è tornata al centro dell’attenzione a causa del fatto che l’Arabia Saudita ha lanciato l’idea di tagli alla produzione OPEC+ per sostenere i prezzi e la prospettiva di un calo delle scorte di greggio statunitensi.

Il ministro dell’Energia saudita ha affermato che l’OPEC+ ha i mezzi per affrontare le sfide, tra cui il taglio della produzione, ha affermato lunedì l’agenzia di stampa statale SPA, citando i commenti che Abdulaziz bin Salman ha fatto a Bloomberg in un’intervista.

Il Brent di riferimento globale ha guadagnato il 3,05%, a $ 99,36 al barile. Il greggio US West Texas Intermediate è aumentato dell’ del 3,53%, a $ 93,39.

“Se sia giustificato tagliare la produzione dell’OPEC o dell’OPEC+ dopo settembre è discutibile”, ha affermato Tamas Varga del broker petrolifero PVM. “Nonostante la recente debolezza indotta dall’inflazione, il mercato petrolifero sembrava aver trovato un minimo ultimamente”.

Il petrolio è salito alle stelle nel 2022, avvicinandosi a marzo al massimo storico di $ 147 dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha esacerbato le preoccupazioni sull’offerta. La preoccupazione per una recessione globale, l’aumento dell’inflazione e il calo della domanda hanno da allora pesato sui prezzi.

Al centro anche la prospettiva di un accordo nucleare tra l’Iran e le potenze mondiali che consentirebbe a Teheran di aumentare le esportazioni di petrolio. Un alto funzionario statunitense ha detto a Reuters lunedì che l’Iran ha abbandonato alcune delle sue principali richieste di resuscitare un accordo.

Sebbene il prezzo dei future sul Brent sia fortemente diminuito rispetto al massimo di quest’anno, la struttura del mercato e i differenziali di prezzo nel mercato fisico del petrolio indicano ancora una contrazione dell’offerta.