Pelosi in visita a Taiwan. Quale impatto su Wall Street?

2 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

I principali indici di Wall Street sono scesi oggi a causa dei timori per l’aumento delle tensioni Usa-Cina per la visita della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan.

L’indice di volatilità CBOE, noto anche come indicatore di paura di Wall Street, è salito a 24,31 punti: si tratta del livello più alto in quasi una settimana. Parallelamente, l’indice dei semiconduttori Philadelphia SE è sceso dell’1%.

Nel frattempo, i dati sui nuovi contratti di lavoro negli Stati Uniti sono diminuiti più del previsto a giugno, suggerendo che la domanda di lavoro sta iniziando a raffreddarsi, il che potrebbe allentare la pressione sulla Federal Reserve per un aumento aggressivo dei tassi di interesse.

La banca centrale statunitense ha alzato i tassi di 2,25 punti percentuali quest’anno e ha promesso di basarsi sui dati nel suo approccio ai futuri rialzi.

L’impatto delle tensioni Usa-Cina sulle azioni

Le azioni dei produttori di chip con un’ampia esposizione alla Cina sono scese, mentre Caterpillar è scivolata del 3,6% poiché il rallentamento dell’attività di costruzione nella seconda economia più grande del mondo e il blocco delle operation in Russia si sono aggiunti ai già attivi problemi nella catena di approvvigionamento. “I titoli di chip sono davvero esposti all’Asia. Alcuni di loro hanno il 70% delle loro vendite, in particolare società di apparecchiature per chip, in quell’area, quindi è un grosso problema per loro”, ha affermato Jack DeGan, chief investment officer di Harbor Advisory.

Le tensioni Usa-Cina arrivano in un momento in cui i mercati finanziari stanno affrontando le ricadute della guerra in Ucraina, una crisi energetica in Europa, l’inflazione vertiginosa e l’inasprimento delle condizioni finanziarie. “Qualsiasi tipo di preoccupazione geopolitica può indurre i trader che hanno guadagnato un bel po’ la scorsa settimana a togliere un po’ (profitto) dal tavolo”.

La Cina considera la visita della Pelosi come un sostegno al campo indipendentista di Taiwan e ha ripetutamente messo in guardia gli Stati Uniti in tal senso. Taiwan ospita il più grande produttore mondiale di semiconduttori: Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (TSMC) e la United Microelectronics Corp (UMC). Le azioni delle società sono scese rispettivamente del 2,4% e del 3%. Le azioni taiwanesi sono scese dell’1,6%, segnando il loro più grande calo percentuale in tre settimane, mentre le azioni cinesi hanno registrato il loro più grande calo in più di due mesi a causa delle crescenti tensioni geopolitiche. “I titoli di chip sono davvero esposti all’Asia. Alcuni di loro, in particolare le società di apparecchiature per chip, hanno il 70% delle loro vendite in quell’area, quindi è un grosso problema per loro”, ha affermato Jack DeGan, chief investment officer di Harbor Advisory.

Le azioni di chip statunitensi, tra cui Nvidia Corp, Intel Corp, Qualcomm e Micron Technology Inc, sono scese tra lo 0,7% e l’1,9%. L’indice Philadelphia SE Semiconductor ha perso l’ 1,1%. In Europa, Infineon è sceso dell’1%, mentre le società olandesi ASML, ASMI e BESI sono calate tra il 2% e il 3%. “È improbabile che l’impatto a lungo termine sia significativo a meno che la situazione non si intensifichi, cosa che non sarebbe la mia aspettativa in questo momento”, ha affermato Andrea Cicione, capo della strategia presso TS Lombard a Londra.

Secondo quanto riferito, gli aerei da guerra cinesi stavano sorvolando sulla linea che divide lo stretto di Taiwan poco prima dell’arrivo previsto di Pelosi. Le azioni di Xi’an Tian He Defense Technology Co, un produttore cinese di attrezzature per la difesa, sono salite del 20%.