Inflazione, anche con la Fed aggressiva non scenderà prima della fine del 2022

2 Maggio 2022, di Michele Sansone (iBanFirst)

Si terrà a partire da domani, fino a mercoledì 4 maggio, la riunione della Federal Reserve che, con ogni probabilità, segnerà un’accelerazione nel processo di normalizzazione monetaria negli Stati Uniti per combattere l’inflazione (che ha raggiunto l’8,5% a marzo in un anno che potrebbe facilmente salire al 10% entro giugno).

Dopo aver aumentato il tasso di riferimento di soli 25 punti base lo scorso marzo, a causa delle possibili ricadute macroeconomiche della guerra in Ucraina, questa volta il FOMC dovrebbe aumentare il tasso di 50 punti base, in un intervallo compreso tra lo 0,75% e l’1,00%.

Altri rialzi dei tassi sono in arrivo: un terzo degli operatori prevede un aumento di 75 punti base il prossimo giugno.

Ci sono tutte le ragioni per credere che la banca centrale degli Stati Uniti dovrà essere aggressiva per mostrare la sua determinazione a combattere l’inflazione. Molte altre banche centrali, soprattutto nelle economie emergenti, hanno già attraversato questa fase (Ungheria e Polonia, ad esempio). Tuttavia, secondo iBanFirst, l’inflazione non scenderà presto. Come regola generale, l’aumento del tasso di riferimento richiede tra i nove e i dodici mesi per riflettersi nell’economia reale. In altre parole, l’aumento dello scorso marzo da parte della banca centrale statunitense dovrebbe davvero avere un impatto sull’economia solo il prossimo dicembre, nella migliore delle ipotesi.

Il mercato dei cambi ha una forte convinzione: i rialzi dei tassi saranno significativi negli Stati Uniti nei prossimi mesi, il che sosterrà il prezzo del dollaro USA.  La maggior parte degli operatori di mercato vede i tassi chiave della Federal Reserve statunitense salire al 2% entro la fine dell’anno, un’indicazione importante.

La Commodity Futures Trading Commission (uno dei regolatori del mercato negli Stati Uniti) pubblica regolarmente il posizionamento degli “speculatori” sul mercato valutario (implicando investitori istituzionali tra cui grandi fondi che possono avere posizioni di diversi milioni su determinate coppie di valute). Secondo gli ultimi dati, il mercato è per lo più lungo (acquirente) sul dollaro USA contro quasi tutte le principali valute e valute emergenti (Grafico 1). Queste ultime sono state piuttosto resilienti nei confronti del biglietto verde dall’inizio dell’anno (come il peso messicano e il real brasiliano). Ciò potrebbe non durare. Questi dati sono molto utili perché permettono di conoscere le aspettative dei grandi investitori istituzionali in merito all’evoluzione dei tassi di cambi.

C’è, tuttavia, un’eccezione: l’euro. Recentemente, le posizioni speculative nette in euro sono aumentate.  Ciò riflette un riposizionamento degli investitori istituzionali che sono principalmente acquirenti dell’euro. La spiegazione è semplice: diversi membri del Consiglio direttivo della Banca centrale europea (tra cui il vicepresidente Luis de Guindos) hanno chiesto un’accelerazione della normalizzazione della politica monetaria alla luce degli ultimi dati sull’inflazione.

L’indice dei prezzi al consumo (che misura l’impatto dell’aumento dei prezzi sui consumatori) ha raggiunto la dolorosa soglia del 7,4% su base annua a marzo. La prima stima dell’inflazione ad aprile è prevista per il 29. È chiaro che l’inflazione continuerà a salire, forse vicino all’8% su base annua.

 

L’unica soluzione per combattere l’inflazione è aumentare i tassi. Il mercato dei cambi prevede ora tre rialzi dei tassi quest’anno nell’area dell’euro. Riteniamo che ciò sia ottimistico. Ma a breve termine, questo potrebbe sostenere il tasso di cambio EUR/USD. Non escludiamo un rimbalzo della coppia in area 1,11-1,12 se le aspettative di rialzi dei tassi saranno confermate. Tuttavia, sarà necessario essere pazienti prima di avere un calendario chiaro per l’evoluzione della politica monetaria nell’area dell’euro.

La prossima riunione della Banca centrale europea è prevista per il 9 giugno (deve essere trasferita eccezionalmente nei Paesi Bassi). Fino ad allora, sarà necessario monitorare gli interventi dei principali membri del Consiglio direttivo: Christine Lagarde, Luis de Guindos Philip Lane (capo economista) o Isabel Schnabel, per citarne solo alcuni.  Potrebbero dare preziose indicazioni su quanto annunciato a giugno.

La situazione del dollaro americano

Il cross EUR/USD è stato scambiato per nuovi minimi per il ciclo e attualmente viene scambiato al di sotto di 1,06. Ciò porta le perdite della coppia nel mese a quasi il 4,5%, il che segnerebbe la peggiore performance mensile della coppia dall’inizio del 2015. Aspettatevi un ulteriore ribasso a breve termine. Il continuo deterioramento del sentimento di rischio continuerà a guidare la forza dell’USD e il calo dell’EUR/USD. Gli investitori cercano rifugi sicuri.

Questo spiega l’impennata dell’indice del dollaro. Si sta avvicinando al picco del 2017 intorno a 103,02. Da un punto di vista tecnico, se questo livello viene superato, il prezzo potrebbe salire a 110. Diversi fattori stanno spingendo verso il basso il sentimento di rischio: inflazione permanente (l’EZ aprile CPI e il Core CPE di marzo degli Stati Uniti sono fuori entro questa settimana), nuove pressioni sull’Europa da La minaccia della Russia di interrompere le forniture di gas, l’aumento del rischio di recessione in diversi mercati chiave (in particolare il Regno Unito) e il rischio di mercato ribassista delle azioni statunitensi, tra le altre cose.

I prossimi livelli più bassi per l’EUR/USD sono il livello psicologico di 1,0500 e poi il minimo di quasi 20 anni prima della parità, il minimo di inizio 2017 di 1,0341. Tuttavia, è troppo presto per sapere se EUR/USD è impostato per la parità. Tieni presente che il livello di 1.00 non è un livello tecnico ma semplicemente un livello psicologico. Un test e soprattutto una rottura della parità creerebbero grandi turbolenze nel mercato FX, ovviamente.

Adegueremo la nostra previsione EUR/USD se il cross scende al di sotto del livello di 1,0341. A breve, ci aspettiamo un test del livello di 1,0500 nei prossimi giorni. A lungo termine, l’annuncio dello stimolo cinese potrebbe rivelarsi positivo per l’euro. Ma questo avrà un impatto sul tasso di cambio dell’euro solo tra diversi mesi.