Opening bell intonata a Wall Street

3 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Positiva in avvio la borsa americana, fiduciosa su una ripresa a breve del mercato del lavoro alla luce delle statistiche diffuse oggi ed in vista del dato finale in agenda venerdì. Secondo i numeri diffusi da ADP, a febbraio negli Stati Uniti gli occupati hanno evidenziato un calo di 20.000 unità, più o meno in linea con le attese, segnando il venticinquesimo declino consecutivo. Secondo il rapporto Challenger Gray & Christmas, però, le principali società statunitensi a febbraio hanno annunciato licenziamenti per circa 42.090 unità contro i 71.482 esuberi dello scorso mese (-41%) ed i 186.350 di febbraio 2009 (-77%). Si tratta del livello minimo dal 2006. Sotto i riflettori ora altre statistiche statunitensi rilevanti, come l’Ism servizi, le scorte di greggio ed in serata il Beige Book della Fed. La situazione si è rasserenata anche in Europa dopo l’annuncio del piano di austerità della Grecia da 4,8 miliardi di euro per ridurre il deficit. Sugli altri mercati, sale il prezzo del greggio con il Wti a 80,17 dollari al barile mentre l’euro si attesta a 1,366 dollari e l’oro a 1.137 dollari l’oncia. Stabile l’obbligazionario, con il rendimento sul benchmark decennale al 3,63%. Sulle prime rilevazioni il Dow Jones mostra un rialzo dello 0,18% a 10425,17 punti, l’S&P500 un incremento dello 0,18% a 1120,27 punti ed il Nasdaq una plusvalenza dello 0,16% a quota 2284,8.