ONU: l’abbondanza della miseria, ahimè sempre attuale

4 Luglio 2017, di Giovanni Falcone

In occasione dell’appuntamento annuale cui si è soliti festeggiare per l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), laddove si compie il rituale incontro a New York, al Palazzo di vetro, alla presenza di quasi 200 capi di Stato e rispettive delegazioni.

Di solito è un  rituale tanto atteso quanto inutile.

Si tratta di un organismo, l’ONU,  nato nel ’45 con le migliori ambizioni, al termine del secondo conflitto mondiale sulle ceneri della “Società delle nazioni”. 

Mai più “dittatori” si disse, nella convinta e comune consapevolezza che “alla migliore delle dittature è preferibile la peggiore delle democrazie” (Cit. Sandro PERTINI).

Mai più a ripetersi l’esperienza del nazifascismo di “Hitler e Mussolini”.

Manco a dirlo. I “gulag” dell’utopia comunista della falce e martello continuarono imperterriti sotto la guida amorevole di Josif Stalin, le pulizie etniche in Rwanda, i banchetti di Bokassa in Africa (conservando la testa nel frigo, assaggiava materialmente gli avversari politici), passando per l’Irak di Saddam Hussein, da Pol Pot o dai kimer rossi della Cambogia.

Per quanto trattasi di storie datate, ancora oggi, il 50% della popolazione mondiale vive sotto una dittatura quale che ne sia il colore, in spregio ai diritti umani fondamentali e l’ONU sta li a guardare, impotente, ignavia.

Le dittature producono guerre di puro potere, di privilegi, sfarzi per pochissimi, ricchezze mal distribuite, benessere per pochi eletti, miseria e povertà per la maggioranza della popolazione.

A distanza di oltre mezzo secolo possiamo constatare che i principi fondanti sono stati traditi nei fatti, i diritti umani sono frequentemente calpestati da tanti Stati che pure fanno parte ed hanno sottoscritto la Carta delle Nazioni unite.

All’epoca della guerra all’Irak, con l’ultimo scandalo dell’Oil for food (cibo in cambio di petrolio per aiutare il popolo iracheno durante l’embargo imposto dopo la prima guerra del golfo), il prestigio internazionale dell’ONU subì una forte crisi di credibilità.

Come sempre, come tutti, anche l’ONU risultò corruttibile.

Il momento è stato e rimane molto difficile.

Dell’ONU abbiamo tutti estremo bisogno, soprattutto per sconfiggere o almeno mitigare la miseria e la povertà che regna sovrana in tanti Paesi, dove, guarda caso, proliferano dittature in danno di intere popolazioni inermi senza voce e senza volto che nel frattempo muore d’inedia.

Cosa fare? nessuno ha la bacchetta magica.

Bisognerà sicuramente partire dal pretendere maggiori e urgenti aperture democratiche da quei Paesi dove i popoli rivendicano maggiori libertà di espressione, di religione.

Sarà anche opportuno veicolare gli aiuti ai Paesi in via di sviluppo (c.d. terzo mondo), in modo da finalizzarli alla realizzazione di opere infrastrutturali (scuole, strade, ospedali, reti idriche etc.), allo scopo di ridurre l’influenza di regimi dittatoriali nello spreco ed abuso per l’uso spesso personale di tali risorse.

Non si pretende il governo dell’intero pianeta, ma semplicemente lo stabilire un decalogo di condotta democratica alla pari di una buona Carta costituzionale.

Oggi, se ne sta parlando per invocarne l’intervento sulle modalità  e per meglio comprendere e affrontare il grande tema della Immigrazione al netto di speculazioni politiche.

E’ un problema epocale che coinvolge i valori fondanti dell’umanità intera.

Qualcuno ha chiesto al nuovo Segretario generale dell’ONU Antonio GUTERRES, ormai in carica dal 1° gennaio u.s.: “Intende fare qualcosa o pensa di restare in religioso silenzio con le mani in tasca?”

Per questa grande emergenza della immigrazione voglio fare i migliori Auguri a questo importante Organismo nella speranza che possa rivelarsi più utile che in passato, per meglio contrastare le gravissime minacce che hanno caratterizzato l’inizio del nuovo millennio.

Buon lavoro!