OLIVETTI: NO A OPERAZIONE STRAORDINARIA SU DEBITO

4 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Nessuna operazione straordinaria da parte di Olivetti per azzerare i debiti.

Lo ha comunicato questa sera il Presidente e Amministratore Delegato di Telecom Italia Colaninno, durante l’assemblea per l’approvazione del bilancio.

Il debito della società di 30 mila miliardi di lire era stato contratto da Tecnost per l’Opa su Telecom Italia.

Colaninno fa sapere che non c’e’ alcuna preoccupazione per eventuali scalate, e non esclude che lo stesso gruppo Olivetti Telecom possa farne.

L’assemblea ha anche deciso l’aumento dei consiglieri di amministrazione di Olivetti che passano da 15 a 16.

Il nuovo consigliere è Alberto Tazartes che dal 1989 è amministratore delegato di BC Parmes srl, società advisor di fondi chiusi europei BC European Capital.

Il bilancio 1999 di Olivetti è stato approvato con un utile netto di 4,93 miliardi di euro grazie alle plusvalenze realizzate con la cessione di Omnitel e Infostrada.

Dopo 9 anni Olivetti distribuisce anche il dividendo agli azionisti: 60 lire per le azioni ordinarie, 375 per le risparmio e 70 per le privilegiate. Saranno in pagamento dal 27 luglio.