Mercati

Nuovi dati da studi di Fase 3 forniscono ulteriori prove a supporto dell’efficacia del trattame

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Oggi Biogen Idec (NASDAQ: BIIB) ha annunciato nuovi dati da studi che valutano il BG-12 (dimetilfumarato) per via orale, e che forniscono ulteriori prove a sostegno della sua grande efficacia clinica e radiologica nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR) e rinforzano il suo profilo di sicurezza favorevole riscontrato fino ad oggi. Tali dati sono stati presentati durante il 28o Congresso del Comitato europeo per il trattamento e la ricerca sulla sclerosi multipla (ECTRISM) a Lione, Francia. In un’analisi pre-specificata di dati integrati, o pooled (congiunti), dagli studi di Fase 3 DEFINE e CONFIRM, il dimetilfumarato ha mostrato effetti statisticamente significativi e clinicamente rilevanti nella riduzione delle recidive e della progressione della sclerosi multipla (SM), oltre a riduzioni nelle misurazioni dell’attività della malattia attraverso Risonanza Magnetica Nucleare (RMN). Inoltre, i dati provvisori sulla sicurezza da uno studio di estensione di Fase 3 indicano che la continua esposizione al dimetilfumarato non ha provocato eventi di sicurezza nuovi o in peggioramento e che i suoi profili di sicurezza e tollerabilità erano coerenti con gli studi precedenti. “Questi dati forniscono ulteriori informazioni sui risultati relativi all’efficacia positiva e alla sicurezza dai nostri studi di Fase 3, che mostrano un effetto benefico e consistente del dimetilfumarato nella riduzione delle recidive di SM, delle lesioni cerebrali e dell’infermità”, ha affermato Alfred Sandrock, M.D., Ph.D., vicepresidente senior del dipartimento di Scienze dello sviluppo e direttore sanitario di Biogen Idec. “Se approvato, il dimetilfumarato potrebbe offrire a una vasta gamma di pazienti affetti da SM una terapia efficace di semplice somministrazione orale e con un profilo di tollerabilità accettabile”. Analisi dei risultati congiunti di Fase 3 sull’efficacia DEFINE e CONFIRM sono studi randomizzati, a doppio cieco che hanno comparato i profili di efficacia e sicurezza del dimetilfumarato 240 mg, somministrato due volte al giorno (BID) o tre volte al giorno (TID), rispetto al placebo per un periodo di due anni. CONFIRM ha compreso anche un comparatore di riferimento del glatiramer acetato (GA; 20 mg con iniezione giornaliera sottocutanea). È stata effettuata un’analisi congiunta dei dati relativi all’efficacia provenienti da oltre 2.300 pazienti in questi due studi per fornire alla comunità medica una stima più precisa degli effetti della terapia con dimetilfumarato rispetto al placebo su recidive, progressione e risultati RMN. Le analisi degli studi DEFINE e CONFIRM sui risultati relativi all’efficacia clinica congiunta mostrano che la terapia con dimetilfumarato ha portato a diminuzioni significative nelle recidive e nella progressione della SM. Dopo due anni, rispetto al placebo, il dimetilfumarato ha ridotto significativamente: Il tasso di recidive annualizzato (ARR) del 49% sia per dose BID che per dose TID (p<0,0001 per entrambe) La proporzione di pazienti recidivanti del 43% per BID e del 47% per TID (p<0,0001 per entrambe) Il rischio di progressione confermata della malattia dopo 12 settimane, misurato dalla scala di invalidità espansa (EDSS), del 32% per BID (p=0,0034) e del 30% per TID (p=0,0059) Negli studi prospettici DEFINE e CONFIRM sulla RMN, la terapia con dimetilfumarato ha migliorato significativamente i risultati della RMN nel corso di due anni rispetto al placebo riducendo: Il numero medio di lesioni nuove o in ampliamento T2-iperintense del 78% per BID e del 73% per TID (p<0,0001 per entrambe) Il numero medio di lesioni nuove o senza enhancement T1-ipointense del 65% per BID e del 64% per TID (p<0,0001 per entrambe) La probabilità di avere un numero maggiore di lesioni captanti il gadolinio (Gd+) del 83% per BID e del 70% per TID (p<0,0001 per entrambe) "Questi risultati congiunti dimostrano che il dimetilfumarato ha avuto un effetto significativo su valori dei quali i pazienti affetti da SM hanno una grande consapevolezza: la frequenza delle recidive che subiscono e della progressione della malattia", ha affermato Ralf Gold, Ph.D., professore/direttore del Dipartimento di Neurologia presso il St. Josef-Hospital/Università Ruhr di Bochum, Germania. "Nel ruolo di medico che cura pazienti affetti da SM, i notevoli risultati osservati negli studi di Fase 3 del dimetilfumarato indicano che potrebbe offrire una combinazione straordinaria di efficacia, sicurezza e tollerabilità". I dati congiunti DEFINE e CONFIRM sull'efficacia sono compresi in un'unica piattaforma e due presentazioni poster: Gli effetti clinici del BG-12 in sottogruppi di pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente: un'analisi integrata degli studi di Fase 3 DEFINE e CONFIRM è stata disponibile per la visualizzazione giovedì 11 ottobre 2012 dalle 15:30 alle 17:00 CEST L'efficacia clinica del BG-12 nella sclerosi multipla recidivante-remittente: un'analisi integrata degli studi di Fase 3 DEFINE e CONFIRM sarà presentata dal Prof. Ralf Gold venerdì 12 ottobre 2012 alle 14:40 CEST Gli effetti del BG-12 sui risultati ottenuti attraverso RMN nella sclerosi multipla recidivante-remittente: un'analisi integrata degli studi di Fase 3 DEFINE e CONFIRM sarà disponibile per la visualizzazione venerdì 12 ottobre 2012 dalle 15:30 alle 17:00 CEST Risultati congiunti sulla sicurezza I risultati sulla sicurezza e la tollerabilità provengono da tre studi placebo-controllati (DEFINE; CONFIRM; e uno studio di Fase 2 dose-ranging) che hanno coinvolto più di 2.400 pazienti a cui era stato somministrato placebo o una dose di 240 mg di dimetilfumarato due o tre volte al giorno. Questi dati congiunti sono coerenti con i risultati presentati in occasione delle precedenti conferenze mediche. L'incidenza complessiva di eventi avversi (EA: 92% placebo, 95% BID, 93% TID) e di eventi avversi seri (EAS: 21% placebo, 18% BID, 15% TID) è stata simile per tutti i gruppi di trattamento. Gli eventi avversi più comuni associati alla terapia con dimetilfumarato sono stati rossore cutaneo e problemi gastrointestinali; l'incidenza di tali eventi è stata maggiore nel primo mese dello studio ed è successivamente diminuita. Il conteggio medio dei globuli bianchi è diminuito durante il primo anno nei pazienti trattati con dimetilfumarato e quindi ha mostrato una stabilizzazione, rimanendo entro limiti normali sino alla fine dell'esperimento. L'incidenza di problemi epatici e renali è stata simile in tutti i gruppi di studio. L'incidenza di infezioni gravi (=2%) e virulente (<1%) è stata bassa e simile per tutti i gruppi di studio. Non ci sono state infezioni opportunistiche. I dati congiunti DEFINE e CONFIRM sulla sicurezza sono inclusi in una presentazione poster: La sicurezza e la tollerabilità del BG-12 in pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente: un'analisi integrata degli studi placebo-controllati è stata disponibile per la visualizzazione giovedì 11 ottobre dalle 15:30 alle 17:00 CEST Risultati sulla sicurezza dello studio di estensione provvisorio Anche i dati positivi sulla sicurezza dello studio provvisorio ENDORSE, uno studio in doppio cieco, multicentrico, di estensione, di Fase 3 che valuta la sicurezza e l'efficacia a lungo termine del dimetilfumarato 240 mg BID e TID, saranno presentati al congresso. Durante le analisi, 1.736 pazienti affetti da SMRR che avevano completato lo studio DEFINE o CONFIRM sono stati aggiunti a ENDORSE. I pazienti che avevano assunto dimetilfumarato per due anni negli studi DEFINE e CONFIRM hanno continuato con la stessa dose di dimetilfumarato (BID o TID) nello studio ENDORSE. I pazienti che avevano precedentemente assunto placebo o GA (solo CONFIRM) sono stati randomizzati 1:1 con dimetilfumarato 240 mg BID o TID. Durante le analisi, oltre la metà dei pazienti dello studio ENDORSE venivano seguiti da oltre un anno. Nel complesso, il profilo di sicurezza per i primi pazienti a cui era stato somministrato dimetilfumarato nello studio ENDORSE era coerente con i risultati sulla sicurezza stabiliti dagli studi DEFINE e CONFIRM. Non ci sono stati nuovi eventi di sicurezza osservati sui pazienti che avevano precedentemente assunto dimetilfumarato. Nello studio ENDORSE, l'incidenza di infezioni gravi è stata bassa (=2%) in tutti i gruppi di trattamento e non si sono riscontrate infezioni opportunistiche. Il rischio di infezione non è aumentato per i pazienti trattati a lungo termine con il dimetilfumarato. L'incidenza complessiva di infezioni virulente è stata bassa (<1%). I tipi di infezioni virulente e la frequenza osservate nei gruppi trattati sono stati quelli previsti nella popolazione esaminata e non è stata osservata alcuna configurazione specifica per le infezioni virulente. Questi dati sono inclusi una sola presentazione poster: La sicurezza e la tollerabilità a lungo termine del BG-12 (dimetilfumarato) per via orale nella sclerosi multipla recidivante remittente: risultati provvisori dallo studio ENDORSE potrà essere visualizzata venerdì 12 ottobre dalle 15:30 alle 17:00 CEST (notizia dell'ultima ora) I dati presentati durante l'ECTRISM sono stati inclusi nelle richieste di autorizzazione all'immissione in commercio di Biogen Idec per il dimetilfumarato in tutto il mondo. I media interessati ad avere ulteriori informazioni e risorse aggiuntive possono visitare il sito www.biogenidec.com/us_media_corner. Informazioni sulla sperimentazione DEFINE DEFINE (Determination of the Efficacy and safety of oral Fumarate IN rElapsing-remitting MS, ossia Determinazione di efficacia e sicurezza del fumarato per via orale nella sclerosi multipla recidivante-remittente) è uno studio globale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo con confronto di dosi volto a determinare l'efficacia e la sicurezza del dimetilfumarato (240 mg due o tre volte al giorno) in 1237 persone affette da SMRR. L'obiettivo primario era stabilire se il dimetilfumarato è efficace nel ridurre la percentuale di pazienti recidivanti dopo due anni. Gli endpoint secondari comprendevano la riduzione nel numero di lesioni iperintense in T2 nuove o ingranditesi recentemente e di nuove lesioni Gd+ misurate tramite RMN, la riduzione del tasso di recidiva su base annuale e la riduzione della progressione della disabilità misurata sulla base della scala di valutazione EDSS. Ulteriori endpoint comprendevano la sicurezza e la tollerabilità del dimetilfumarato. I risultati specifici dello studio DEFINE sono stati presentati durante il 5o Congresso triennale congiunto dei Comitati europeo e americano sul trattamento e sulla ricerca sulla sclerosi multipla (ECTRIMS e ACTRIMS) nell'ottobre 2011. Informazioni sullo studio clinico CONFIRM CONFIRM (COmparator and aN oral Fumarate In Relapsing-remitting MS ossia Comparatore e fumarato per via orale nella SMRR) è uno studio globale di confronto di dosi, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo volto a determinare l'efficacia e sicurezza del dimetilfumarato, basato su 1430 soggetti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR). La sperimentazione ha valutato due regimi posologici di dimetilfumarato, 240 mg due e tre volte al giorno, oltre a un comparatore di riferimento di GA (20 mg con iniezione giornaliera sottocutanea). Entrambi i gruppi, con dimetilfumarato e con GA, sono stati valutati rispetto al placebo. L'obiettivo primario era determinare se il dimetilfumarato è efficace nel ridurre il tasso di recidive cliniche dopo due anni. Tra gli endpoint secondari dopo due anni rientravano la riduzione del numero di lesioni iperintense in T2 nuove o in nuova espansione; del numero di lesioni ipointense senza enhancement in T1 (le risonanze magnetiche sono state ottenute in studi di coorte); della percentuale di pazienti soggetti a recidiva; e della progressione della disabilità misurata con l'EDSS. Sono state valutate anche la tollerabilità e la sicurezza del dimetilfumarato. I risultati dettagliati dello studio CONFIRM sono stati presentati durante il 64o Meeting annuale dell'Accademia americana di neurologia (AAN) nell'aprile 2012. Informazioni su ENDORSE ENDORSE è uno studio di estensione globale in fase di svolgimento, in cieco per determinare la sicurezza e l'efficacia a lungo termine del dimetilfumarato (240 mg, BID o TID). Lo studio ha coinvolto 1.738 pazienti affetti da SMRR che avevano completato lo studio DEFINE o CONFIRM. I pazienti partecipanti allo studio ENDORSE saranno seguiti fino a un massimo di 5 anni. L'obiettivo primario è la valutazione del profilo di sicurezza a lungo termine del dimetilfumarato. Gli obiettivi secondari comprendono: l'efficacia a lungo termine del  dimetilfumarato sui risultati clinici e le lesioni cerebrali per SM nelle scansioni RMN; e gli effetti del  dimetilfumarato sulla misurazione della qualità della vita. Si prevede che lo studio ENDORSE sarà completato nel 2016. Informazioni sul dimetilfumarato Il dimetilfumarato, noto anche come BG-12, è una terapia orale in studio e in fase di sviluppo clinico avanzato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR), la forma più comune di sclerosi multipla. Il dimetilfumarato è l'unico composto attualmente noto in fase di sperimentazione clinica per il trattamento della sclerosi multipla recidivante remittente per il quale è stata dimostrata sperimentalmente l'attivazione del percorso Nrf-2. Il dimetilfumarato è attualmente in fase di revisione da parte degli enti normativi negli Stati Uniti, in Unione Europea, Australia, Canada e Svizzera. Informazioni su Biogen Idec Con una ricerca medico-scientifica d'avanguardia, Biogen Idec scopre, sviluppa e offre a pazienti in tutto il mondo terapie innovative per il trattamento di malattie neurodegenerative, dell'emofilia e delle malattie autoimmuni. Fondata nel 1978, Biogen Idec è la società biotecnologica indipendente che ha alle spalle la più lunga tradizione al mondo. Pazienti di tutto il mondo traggono vantaggio dalle sue molteplici terapie all'avanguardia contro la sclerosi multipla e la società genera più di 5 miliardi di dollari in entrate annuali. Per la descrizione dei prodotti, i comunicati stampa e ulteriori informazioni sulla società, visitare il sito www.biogenidec.com. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido CONTATTO PER I MEDIA:Biogen IdecKate Niazi-Sai, +1 781-464-3260oppureCONTATTO PER GLI INVESTITORI:Biogen IdecKia Khaleghpour, +1 781-464-2442