Non paga l’Iva, ma viene assolto. “Colpa della crisi”

24 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – “Non aveva versato 180mila euro di Iva a causa della crisi della sua azienda informatica e di quella finanziaria del Paese, avvertendo doverosamente l’Agenzia delle entrate dell’importo dovuto”.

Per questo, spiegano Giulio Martino e Marco Petrone, gli avvocati di un imprenditore milanese, “alla fine del processo con rito abbreviato, l’imprenditore a capo di un’azienda poi fallita è stato assolto dal giudice dell’udienza preliminare, Carlo De Marchi, “perché il fatto non costituisce reato”.

L’imprenditore era stato in un primo tempo condannato con decreto penale a sei mesi di reclusione convertiti in una multa di oltre 40mila euro, dopo che era stata accertata la violazione, segnalata dall’Agenzia delle Entrate.

I suoi difensori, però, si sono opposti al decreto di condanna e hanno chiesto il processo con rito abbreviato per il loro assistito. Il gup ha accolto la tesi sostenuta dagli avvocati, secondo i quali non c’era l’intento di evadere da parte del loro assistito: altrimenti, hanno detto, non avrebbe nemmeno presentato la dichiarazione dei redditi”.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da La Repubblica – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © La Repubblica. All rights reserved