Vino: Mediobanca, fatturato 2021 sale del 14,2%

24 Maggio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il 2021 dei maggiori produttori italiani di vino è stato archiviato con un aumento del fatturato del 14,2% (+14,8% il mercato interno, +13,6% l’estero) e con un Ebit margin che ha riportato un lieve aumento al 6% rispetto al 5,4% del 2020 e il risultato netto che è passato dal 4,2% al 4,3% del fatturato. E’ quanto emerge dal nuovo report sul settore vinicolo italiano pubblicato dall’Area Studi Mediobanca, che riguarda 251 principali società di capitali italiane con fatturato 2020 superiore ai 20 milioni di euro e ricavi aggregati pari a 9,3 miliardi di euro, pari all’85,3% del fatturato nazionale del settore.

Dall’analisi emerge che i vini frizzanti (+21%) hanno accelerato più dei vini fermi (+12,4%) mentre le cooperative hanno contenuto la crescita al +9,2% (+19,6% le non cooperative). Prevalgono i mercati di prossimità (Paesi UE) con il 41,2% dell’export, seconda area di destinazione il Nord America (34,1%); crescita importante (+22,8%) per l’America centro-meridionale. Il 2021 ha preservato il canale Gdo che, stabile al 35,6% del mercato, è cresciuto a valore del 13,5% e ha decretato la ripresa dell’Ho.Re.Ca. (+28,1%), che passa dal 15,6% al 15,9%.