Usa, Segretario Economia: rischi da fattori internazionali

10 Novembre 2015, di Daniele Chicca

L’economia Usa sta facendo peggio nel secondo semestre rispetto alla prima parte dell’anno e l’avvicinarsi con l’inevitabile appuntamento della stretta monetaria della Federal Reserve inquieta economisti e analisti di alto profilo, suscitando le preoccupazioni anche del Fondo Monetario Internazionale.

Ma il Segretario del Tesoro Usa Jack Lew è cautamente ottimista. L’economista e politico teme più fattori esterni che interni, in questo frangente, per l’impatto incontrollabile che potrebbero avere sulle condizioni dell’economia nazionale. “Altri paesi dovrebbero usare strumenti economici per impedire una frenata delle attività”, dice Lew. La sfida cinese, per esempio, sta portando a un’implementazione delle riforme di mercato.

L’impatto negativo che potrebbe avere un “soft landing” della seconda economia al mondo non è da sottovalutare. Ma una frenata dell’economia cinese non “dovrebbe essere una sorpresa” per nessuno. “La Cina deve assumersi la responsabilità di leader globale” se vuole superare la crisi e impedire che abbia un impatto negativo sul resto del mondo.