Usa, petrolio accelera ai massimi di un anno dopo calo scorte settimanali

19 Ottobre 2016, di Daniele Chicca

Le scorte settimanali di petrolio sono calate di 5,2 milioni di barili la settimana scorsa negli Stati Uniti, alimentando le speranze di un ridimensionamento dei livelli di offerta della materia prima. A contribuire a rilanciare l’appeal della risorsa sono anche le dichiarazioni del ministro saudita del Petrolio, secondo cui l’Opec troverà un accordo sulla riduzione dei livelli di produzione di barili.

Sui mercati finanziari, dopo la pubblicazione dei dati del Dipartimento di Commercio Usa, i prezzi del petrolio Wti e i contratti sul Brent hanno allungato la corsa, registrando rialzi del 2 e 2,3% rispettivamente, salutando con favore la notizia del calo dell’offerta settimanale di petrolio. Il Brent ha superato quota 53 dollari al barile, mentre il Wti si avvicina ai 52 dollari ($51,87): si tratta in entrambi i casi dei massimi di un anno.