Unicredit perde oltre 11 miliardi e aumenta le svalutazioni

31 Gennaio 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Rosso da 11, 8 miliardi di euro, così chiude il 2016 la banca Unicredit secondo le stime preliminari rese note ieri e aumenta le svalutazioni di un altro miliardo rispetto alle attese, finendo così per far chiudere il titolo a Piazza Affari in picchiata a -5,45%.

A pesare anche i rilievi mossi dalla Bce che ha chiesto all’istituto guidato da Jean Pierre Mustier di approntare una strategia per ridurre i crediti deteriorati entro il 28 febbraio, precisando che vi sono aree di debolezza nel cda. Su tutto pesa l’incognita del bail-in in caso di mancato o parziale sottoscrizione dell’aumento di capitale.