Ubi banca: via libera all’accordo per 410 esuberi e 130 assunzioni

29 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Siglato l’accordo tra Ubi Banca e i sindacati in relazione all’uscita su base volontaria di circa 410 dipendenti “con accesso al Fondo di sostegno al reddito di settore”.

Nell’intesa vengono assorbite in primo luogo le “339 domande di adesione al precedente piano attuato con l’accordo quadro del 2014″, domande che non sono state accolte perchè eccedenti il limite di 500 previste in quell’occasione e “che cesseranno dal servizio in data 31 gennaio 2016”.

Per le altre 70 posizioni che potranno aderire all’intesa raggiunta da Ubi Banca con la rappresentanza sindacale “è prevista la cessazione dal servizio entro il 31 marzo 2016, dando precedenza alle risorse in grave stato di salute”. Nel biennio 2016-2017 sono previste altre 130 nuove assunzioni “sia mediante nuovi inserimenti che mediante la stabilizzazione di rapporti di lavoro temporaneo già in essere nel gruppo”. Con l’accordo così siglato la banca potrà risparmiare circa 31 milioni lordi annui, mentre gli oneri una tantum relativi agli esodi, da contabilizzare interamente nel quarto trimestre 2015, sono stimati in circa 95 milioni lordi.