Stellantis accelera sulla mobilità connessa ed elettrica: oltre 30 mld di investimenti entro il 2025

7 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Stellantis accelera sulla mobilità connessa. Il gruppo guidato da Carlos Tavares punta nel giro di qualche anno a trasformare i suoi veicoli dalle attuali strutture elettroniche a una piattaforma software aperta, in grado di integrarsi con tutti i dispositivi digitali dei clienti per una esperienza di guida innovativa. Questa trasformazione, presentata oggi nel corso dell’evento “Software Day 2021”, dovrebbe generare al gruppo in termini di bilancio circa 4 miliardi di euro di fatturato annuo entro il 2026 e circa 20 miliardi di euro di ricavi aggiuntivi annuali entro il 2030.

“Le nostre strategie di elettrificazione e software supporteranno la trasformazione per diventare un’azienda tecnologica di mobilità sostenibile, sfruttando la crescita aziendale associata con funzionalità e servizi over-the-air e offrendo la migliore esperienza ai nostri clienti”, ha affermato Carlos Tavares, CEO di Stellantis.

La strategia software di Stellantis va infatti di pari passo con i suoi programmi di elettrificazione, presentati in dettaglio all’EV Day dello scorso luglio, con l’intento di raggiungere oltre il 70% di vendite in Europa e oltre il 40% di vendite negli Stati Uniti costituite da veicoli a basse emissioni (LEV) entro il 2030. Ognuno dei 14 brand del gruppo offrirà soluzioni completamente elettrificate ai vertici della propria categoria. Per effettuare la sua trasformazione nell’ambito del software e dell’elettrificazione, Stellantis investirà oltre 30 miliardi di euro entro il 2025.

Tecnologia e servizi per una mobilità connessa
Oggi, Stellantis conta 12 milioni di auto connesse “monetizzabili” (ovvero veicoli nei suoi primi cinque anni di vita) a livello globale. Entro il 2026, prevede una crescita fino a 26 milioni di veicoli, più che doppia, e circa 4 miliardi di euro di ricavi. Entro il 2030, prevede di raggiungere 34 milioni di veicoli connessi e circa 20 miliardi di euro di ricavi annuali.

Per questa trasformazione, arriveranno nel 2024 tre nuovissime piattaforme tecnologiche basate sull’intelligenza artificiale, che verranno implementate sulle quattro piattaforme di veicoli targati Stellantis. Il cuore sarà la STLA Brain, una strtuttura orientata ai servizi completamente integrata con il cloud, che collega le centraline di controllo elettroniche all’interno del veicolo con il computer centrale ad alte prestazioni dell’auto tramite dati ad alta velocità.

Attraverso il software e le funzioni on-demand, i clienti potranno personalizzare i veicoli in base alle proprie esigenze e ai propri desideri attraverso gli aggiornamenti, aumentando ulteriormente le qualità dei vari brand e rafforzando il legame tra il veicolo e il conducente. Tra i servizi, già l’anno prossimo verrà lanciato un programma assicurativo basato sull’uso, dapprima in Europa e in Nord America e poi a livello globale.

Al via nuove partnership e la Software Academy
Per sostenere questa trasformazione, Stellantis sta creando una Software & Data Academy per ricollocare oltre 1.000 ingegneri interni in diversi ruoli, dando vita a una nuova software community. L’azienda sta inoltre assumendo i migliori talenti software e IA dall’industria della tecnologia e da altri settori a livello globale ed entro il 2024 punta ad avere 4.500 ingegneri software.

Ma non solo. Il gruppo ha stretto nuove partnership strategiche. In particolare, ha firmato con Foxconn un memorandum d’intesa non vincolante per sviluppare quattro famiglie di chip che copriranno oltre l’80% delle esigenze dei microcontrollori di Stellantis, contribuendo a semplificare notevolmente la catena di approvvigionamento, oggi messa a dura prova dalla crisi dei chip. L’adozione e l’installazione di questi prodotti è prevista entro il 2024. A questa collaborazione, si aggiunge anche la partnership con Waymo. Poiché le Chrysler Pacifica Hybrid equipaggiate con Waymo Driver forniscono migliaia di corse completamente autonome a Phoenix, in Arizona (USA), le due hanno ora ampliato la loro partnership ai servizi di consegna locali. I due partner stanno infatti collaborando a gruppi di lavoro incentrati sullo sviluppo commerciale. I team di ingegneri metteranno le mani sui prototipi Stellantis nel 2022.