Sondaggi, Italia viva perde quota dopo l’uscita dal governo

25 Gennaio 2021, di Alberto Battaglia

Il ritiro delle ministre non ha inciso positivamente sulle intenzioni di voto in favore di Italia viva, da quanto è possibile osservare dalla media dei sondaggi elaborata da Termometro Politico (sono stati 7 gli istituti demoscopici dai quali sono stati estratti i dati: Bidimedia, Tecné, Demopolis, SWG, Euromedia Research, Index Research e Ipsos, nel periodo 17-23 gennaio).

Il partito di Matteo Renzi ha perso alcuni decimali portandosi 2,8%. La Lega è rimasta primo partito con un dato medio del 23,4%, seguita dal Partito democratico al 20,3%. Il terzo partito nelle intenzioni di voto è rimasto Fratelli d’Italia (16,5%), mentre il Movimento 5 stelle, in leggera crescita, si è attestato al 14,6%.

Sempre nel centrodestra è stata positiva la tendenza in 5 dei 7 sondaggi per Forza Italia, accreditata del 7,8%.

Fra le altre forze minori, Azione di Carlo Calenda si è attestata al 3,5% mentre Sinistra/LeU, sarebbe intorno al 3,3%. Infine, +Europa non è andata oltre il 2%.