Snapchat sbarca in Borsa a marzo: maggiore Ipo da diversi anni a questa parte

16 Novembre 2016, di Daniele Chicca

La società madre di Snapchat, startup americana di messaggeria istantanea, ha depositato i documenti legali propedeutici allo sbarco in Borsa, gettando le basi per quella che sarà l’Ipo più grossa nel settore hi-tech da diversi anni a questa parte. Viste le dimensioni dell’Ipo, l’approdo di Snap a Wall Street si può considerare l’evento societario più importante nel comparto tecnologico dai tempi del debutto di Alibaba. Snap, con sede in California, ha fatto domanda alle autorità di controllo dei mercati della Sec prima delle elezioni presidenziali Usa, secondo quanto riferito a Business Insider da una fonte a conoscenza della vicenda.

L’ingresso alla Borsa Usa dovrebbe concretizzarsi in marzo, ma potrebbe anche essere rimandato al secondo trimestre del 2017. La valutazione dell’azienda è fissata sui $20-25 miliardi, ma la somma potrebbe salire fino a 40 miliardi di dollari secondo Bloomberg. I bookrunner dell’operazione saranno grandi banche come JP Morgan, Deutsche Bank, Allen & Co., Barclays e Credit Suisse, mentre spetterà a Morgan Stanley e Goldman Sachs coordinare l’Ipo. Snapchat è un’App di condivisione di foto e video che consente di mantenere una certa privacy, rendendo visibili al destinatario i contenuti multimediali per un periodo limitato di tempo (da uno a dieci secondi). Nel 2015 valeva 16 miliardi.