Russia, tangenti: ex ministro accusa Rosfnet, alleato di Putin

16 Agosto 2017, di Alessandra Caparello

MOSCA (WSI) – Alexei Ulyukayev, ex ministro dell’economia russo, arrestato a novembre mentre intascava una tangente per l’autorizzazione all’acquisizione da parte di Rosneft di una quota nella società petrolifera Bashneft, ora accusa il capo dello stesso colosso petrolifero, amico di Putin.

Per l’ex ministro sostiene di essere stato vittima di un’operazione organizzata dal servizio segreto FSB, in una provocazione organizzata dall’alto sulla base di false accuse.