Rumor su dismissioni e aumento capitale: Unicredit sotto pressione in Borsa

27 Luglio 2016, di Daniele Chicca

Unicredit sotto pressione a Piazza Affari: il mercato teme il varo di un aumento di capitale diluitivo per i soci azionisti. Sarebbe la prossima mossa strategica per rilanciare il gruppo in crisi, dopo lo stravolgimento manageriale ai vertici ideato dal neo Ceo Jean Pierre Mustier. L’Ad ha promosso Papa a direttore generale e le Fondazioni, come avverrà anche per quelle bancarie di Mps, diranno addio.

Il titolo Unicredit cede il -5% circa al momento in Borsa, mentre gli operatori aspettano di conoscere l’esito degli stress test dell’Eba, i cui risultati usciranno venerdì. Sui corsi azionari pesa anche lo stop alle trattative per l’aggregazione di Pioneer Investments e Santander.

Il quotidiano Milano Finanza ipotizza un aumento di capitale da circa 5 miliardi di euro che potrebbe passare mediante nuove operazioni di cessione di quote di Bank Pekao in Polonia e di Fineco in Italia (titolo sospeso per eccesso di ribasso), dopo i placement a sconto del 6% decisi di recente. C’è poi chi parla di un possibile disimpegno totale dalla Polonia.