Renzi emarginato. Vertice Juncker, Merkel e Hollande, premier non invitato

23 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

L’esclusione di Matteo Renzi dal vertice di mercoledì prossimo arriva proprio dopo le polemiche del premier nel recente incontro di Bratislava, contro i numeri uno di Francia e Germania. Il vertice vedrà insieme invece Jean Claude Juncker, presidente della Commissione europea, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande.

I tre, stando all’agenda di Juncker diffusa a Bruxelles, incontreranno anche la leadership degli industriali europei (Ert).

Così aveva risposto Renzi a una domanda del Washington Post sulla possibilità che il nucleo forte dell’Europa, con l’uscita di scena del Regno Unito a causa della Brexit, sarà costituito ora da Germania, Francia e Italia, con l’Italia che prenderà il posto dei britannici nell’Unione europea.

“Il problema è se la Germania accetterà o meno” che l’Italia prenda il ‘posto’ della Gran Bretagna. Aggiungendo: “Ho grande rispetto per Angela Merkel e Francois Hollande, ma non possiamo perdere l’occasione. Carpe Diem”.

Tra l’altro, secondo alcune ricostruzioni, Renzi non era stato invitato neanche alla conferenza stampa finale tenuta da Angela Merkel e Francois Hollande, a conclusione del vertice di Bratislava. In quell’occasione, nel corso degli incontri, Renzi si era detto insoddisfatto “sulle conclusioni “su crescita e immigrazione”.