Referendum Kurdistan: per Iraq è incostituzionale, Erdogan minaccia rappresaglie

26 Settembre 2017, di Mariangela Tessa

“Non discuteremo né avremo dialoghi sui risultati del referendum, perché esso è incostituzionale”. Così si è espresso il primo ministro iracheno Haider al-Abadi in un discorso trasmesso sulla televisione di stato in merito al referendum che si è tenuto ieri sull’indipendenza del Kurdistan in Iraq.

L’affluenza al voto sarebbe stata elevata, pari a circa il 72 per cento secondo la commissione elettorale. Il risultato definitivo sarà annunciato nelle prossime 72 ore, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, ma ci si aspetta la vittoria di chi è favorevole all’indipendenza (con il 70% circa dei consensi). Il presidente della Turchia, un paese che teme le rivendicazioni indipendentiste dei curdi turchi, Recep Erdogan, ha minacciato di sospendere l’attività dell’oleodotto che porta il petrolio dall’area settentrionale dell’Iraq agli altri mercati.