Primarie PD: Renzi riconquista il partito con il 70% dei voti

1 Maggio 2017, di Daniele Chicca

Quando ancora non sono stati pubblicati i dati ufficiali a livello nazionale, si sa già che Matteo Renzi ha riconquistato la leadership del suo partito. Per conquistare però quella dell’intero paese la strada è ancora molto lunga e piena di insidie, se si pensa che il PD è dato nei sondaggi in ritardo di 2-8 lunghezze dal MoVimento 5 Stelle, primo partito con il 30% circa dei consensi se si andasse a votare oggi.

I dati ufficiosi delle primarie di domenica 30 aprile diffusi dal PD a mezzogiorno di oggi in attesa “dell’acquisizione dei verbali” e della conseguente “certificazione del voto” dicono che il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha ottenuto 357.526 preferenze (pari al 19,50% del totale), il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano 192.219 preferenze (pari al 10,49%) e l’ex premier Renzi ha vinto con 1.283.389 voti (pari al 70,01%). L’affluenza, 1,849 milioni circa di italiani, è stata inferiore alle primarie di quattro anni fa, quando alle urne si presentarono 2,8 milioni di cittadini. Le schede bianche o nulle sono state pari a 15.524 unità.