Piazza Affari: forti acquisti su Telecom, risultati Italia migliori dal 2007

6 Febbraio 2017, di Laura Naka Antonelli

Telecom Italia in rally a Piazza Affari dopo la diffusione dei conti del gruppo, comunicati nella tarda serata di venerdì. Telecom Italia ha terminato il 2016 con un ebitda pari a 8.018 milioni di euro (+14,4%) e con ricavi a 19.036 milioni di euro (-3,5%), migliorando rispettivamente di oltre 6 e 13 punti percentuali.

In una nota si legge che il forte recupero dell’Ebitda beneficia delle azioni di ‘cost recovery plan’, avviate nel secondo trimestre dal Domestic e nel trimestre successivo dal Brasile.

In Italia i risultati sono stati i migliori dal 2007. Nel quarto trimestre i ricavi sono cresciuti del 5,3% a 5.097 milioni e l’ebitda del 5,9% a 2.140 milioni di euro.

Il piano strategico 2017-2019 firmato dall’amministratore delegato Flavio Cattaneo prevede inoltre “investimenti in Italia pari a circa 11 miliardi nell’arco di piano, di cui circa 5 miliardi per la realizzazione accelerata delle reti ultra broadband”.

Il titolo Telecom Italia si conferma tra i migliori dell’indice Ftse Mib di Piazza Affari, mettendo a segno un rialzo +3,36%, a 0,846 euro.

Telecom prevede un recupero di efficienza “pari a 1,9 miliardi sugli Opex (spese operative) e sui Capex (ovvero spese per capitale) nell’arco di piano attraverso tre leve finalizzate anche ad aumentare la generazione di cassa: ottimizzazione dei costi, organizzazione snella e trasformazione dei processi”.