Petrolio, sauditi e russi chiedono altra estensione piano tagli produzione

29 Agosto 2017, di Daniele Chicca

Arabia Saudita e Russia, due dei paesi maggiormente messi in crisi dalla debolezza dei prezzi del petrolio, vorrebbero prolungare di altri tre mesi l’accordo sul taglio della produzione di greggio. Lo riporta il Wall Street Journal spiegando che la discussione sarebbe avvenuta nel corso del meeting di San Pietroburgo. L’accordo fra i paesi Opec e non Opec, che era già stato esteso una volta, a maggio, e che è valido fino a marzo 2018, è sostenuto anche dalla Russia che non è membro del cartello dei 14 maggiori produttori di petrolio.

Nessun ministro ha risposto a una richiesta di commento, scrive il giornale. L’accordo fra paesi Opec e non Opec sul taglio della produzione di greggio non è riuscito a risollevare i prezzi del petrolio a livelli voluti dal cartello, in parte perché i produttori americani di shale hanno aumentato la produzione. L’accordo e’ stato inoltre compromesso da un’adesione relativamente bassa da parte di alcuni produttori.