Petrolio rimbalza su voci vertice produttori, anche senza Iran

16 Marzo 2016, di Daniele Chicca

Sui mercati le quotazioni del petrolio rimbalzano dopo la due giorni peggiore da un mese a questa parte. Ad aiutare la risalita dei prezzi hanno contribuito i nuovi dati sulle scorte americane, che sono cresciute meno del previsto. Il Brent e il Wti guadagnano terreno, ma i contratti stanno perdendo slancio dopo aver realizzato un balzo di anche l’1%. Al momento il contratto scambiato a Londra sale dello 0,28% a 38,85 dollari al barile.

I prezzi sono sostenuti anche da una indiscrezione di Reuters. Un vertice tra i maggiori paesi esportatori di greggio, membri dell’Opec e non, circa un congelamento coordinato della produzione si terrà a metà aprile con o senza l’Iran, secondo quanto riferito all’agenzia stampa da alcune fonti informate sui fatti.