Petrolio, alert AIE: domanda calerà nel 2017, produzione salirà

15 Marzo 2017, di Daniele Chicca

Nel suo ultimo report l’AIE, l’agenzia internazionale dell’Energia, pur invitando alla cautela sul petrolio, ha riconosciuto che la domanda è destinata a calare nel 2017 rispetto all’anno prima e che i livelli di produzione dei paesi non facenti parte dell’Opec sono invece improntati a salire, mettendo ulteriori pressioni sui produttori di greggio mondiali alle prese con un sovraccarico di barili. Sebbene il mercato debba ancora fare i conti con un’offerta in eccesso, gli accordi presi dall’Opec per tagliare la produzione sono stati rispettati nel 98% dei casi nei primi due mesi di vita dell’accordo, fa sapere l’AIE.

Nell’avvertire che la volatilità è destinata a continuare e che la domanda a scendere nel 2017, l’AIE stima che il tasso di compliance dell’accordo di Vienna scenderà al 90% in febbraio, senza però il rischio di mettere a repentaglio l’intesa. I maggiori produttori di petrolio dovranno vedersela con una domanda in calo dagli 1,6 milioni di barili al giorno dell’anno scorso agli 1,4 milioni di quest’anno.