Petrolio accelera al ribasso in attesa dell’Opec. L’outlook di Fitch

29 Novembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Petrolio osservato speciale. Le quotazioni sono in ribasso, in attesa del meeting ufficiale dell’Opec che prenderà il via domani, a Vienna. I paesi del cartello stanno tentando di raggiungere un accordo per tagliare la produzione di petrolio crude per la prima volta dal 2008.

Tuttavia, i dettagli di una intesa potenziale rimangono poco chiari, così come diversi sarebbero i paesi non disponibili a ridurre la propria offerta.

Arriva intanto la nota di Fitch, mentre le quotazioni del petrolio soffrono una accelerazione ribassista.

Secondo l’agenzia di rating, è improbabile che i prezzi assistano a una crescita decisiva prima del 2018: una condizione di equilibrio tra domanda e offerta di petrolio è stimata solo nel primo semestre del 2017, con successivo deficit nel secondo semestre dell’anno prossimo.

In ogni caso, Fitch afferma che esiste una incertezza significativa rispetto al futuro trend dei prezzi del petrolio, prevedendo per il 2018 un valore di $55 al barile e per il 2019 quota $60. L’agenzia è scettica inoltre anche sull’effetto, nel lungo termine, di un eventuale accordo tra i paesi dell’Opec.