Outlook: nel 2022 mercati del credito con sostegno ma senza cuscinetti. Ecco la view di Natixis IM

10 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Di seguito un commento a cura di Jack Janasiewicz e Garrett Melson di Natixis Investment Managers Solutions che analizza come si muoveranno i mercati del credito nel corso dei prossimi mesi, partendo dall’analisi del ciclo di default e dall’assenza di cuscinetti in molti sub-segmenti.

Per capire come i mercati obbligazionari si comporteranno nel 2022 è utile prendere in considerazione alcuni elmenti su base storica. I cicli di default tendono a modificarsi dopo circa 4 o 5 anni dall’iniziale aumento dei tassi della Fed nell’ambito di una fase di politica restrittiva.  E i default accelerano circa 1 o 2 anni dopo il picco raggiunto dai tassi dei Fed Funds. Il dato evidenzia quindi come il ciclo di default sia ancora lontano in questo momento. Ed occorre inoltre ricordare anche come i primi default si verifichino in ritardo rispetto all’iniziale irrigidimento delle condizioni finanziarie. Secondo i dati che emergono dal Senior Loan Officer Survey della Federal Reserve, che riflettono le attuali condizioni finanziarie, i segnali di inasprimento sui prestiti concessi dalle banche commerciali non sono per adesso imminenti, scongiurando così di fatto il pericolo di bandiera rossa. Il proverbiale “muro delle scadenze” dei mercati del credito resta quindi ben gestito, visto che le aziende continuano ad allungare le scadenze dei prestiti ottenuti fino al 2025. Nel segmento del corporate americano, le società continuano a far traslare i costi più elevati in molti casi, con la crescita dei prezzi alla produzione che è stata più lenta rispetto a quella delle entrate. I margini di profitto sono sorprendentemente al rialzo e la crescita superiore a quella di mercato, assieme ad un’inflazione modesta, dovrebbe dare grande sostegno ai fondamentali del credito, mentre i ricavi continuano ad aumentare. Le aziende hanno mostrato anche capacità nel preservare il proprio potere d’acquisto e, grazie anche ai bassi tassi fissi di finanziamento, il contesto del mercato del credito sembra ben sostenuto guardando al 2022.

Nonostante questo, gli ostacoli che il mercato del reddito fisso potrebbe incontrare derivino dall’assenza di cuscinetti adeguati: sono infatti poche le opportunità di compressione dello spread in grado di assorbire qualsiasi movimento al rialzo del tasso privo di rischio.  Quali sono le conseguenze di tutto ciò? I Treasury statunitensi offrono ancora la tradizionale compensazione del rischio azionario.  Tuttavia, l’aumento dei tassi potrebbe rivelarsi il catalizzatore per una scossa al mercato azionario ad un certo punto nel corso del 2022.  Il mercato investment grade si rivelerà ancora più impegnativo, dato che gli spread hanno poco spazio per restringersi ulteriormente e sono destinati probabilmente ad allargarsi in un contesto di risk off. Inoltre, i rendimenti si muoveranno probabilmente in tandem con qualsiasi rivalutazione dei Treasury.  Conseguentemente occorre volgere l’attenzione verso quelle emissioni più legate agli spread: high yield, debito dei mercati emergenti e prestiti.  Dato il contesto economico che abbiamo delineato, unito alle prospettive limitate di inadempienze, consideriamo i prestiti più attraenti rispetto all’high yield, data la componente di durata.  E i mercati emergenti? Vedremo se avremo una storia di crescita globale risincronizzata nella seconda metà dell’anno.  Se ciò dovesse accadere, il debito dei mercati emergenti potrebbe avere il suo momento di gloria.  Ma per ora rappresenta più un elemento per bilanciare le esposizioni sui Treasury e sui prestiti in grado di generare un beneficio per i portafogli.

Indipendentemente da ciò, i mercati obbligazionari ancora una volta non saranno i più facili da navigare  per gli investitori l’anno prossimo. Anche le prospettive generali e poco stimolanti del 2022 avranno un peso: aspettiamoci una volatilità degli spread con l’incertezza della politica monetaria che li accompagna, insieme ad un modesto movimento verso l’alto dei tassi. Sempre la solita storia.