Opec, Iran: “accordo su produzione di petrolio difficile”, scontro con sauditi e russi

20 Giugno 2018, di Daniele Chicca

L’Iran ha escluso che ci sarà un accordo sui livelli di produzione di petrolio alla riunione importante dell’Opec di venerdì 22 e sabato 23 giugno. Arabia Saudita e Russia difendono un incremento delle attività di estrazione di greggio ma l’Iran è contrario. Ryad, leader de facto dell’Opec, e Mosca sono schierati a favore di un abbandono progressivo dei limiti imposti alla produzione ormai dal 2017. Due grandi consumatori di petrolio, gli Stati Uniti e la Cina, da parte loro vorrebbero vedere aumentare e non diminuire la produzione.

La Repubblica Islamica ha dichiarato ieri che “è poco probabile” che l’Opec, il cartello dei maggiori paesi esportatori di petrolio, trovi a Vienna un’intesa sulla produzione. Teheran, su cui pesano le sanzioni economiche occidentali, si prepara a uno scontro con i due sfidanti energetici di Arabia Saudita e Russia, due paesi entrambi a favore di un aumento della produzione.