Nomisma, immobiliare: crescita lenta ma la svolta è vicina

29 Novembre 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Rispetto all’euforia dello scorso anno, nel 2017 la crescita del settore immobiliare è stata più lenta. A rivelarlo l’Osservatorio sul mercato immobiliare di Nomisma, presentato a Milano presso fondazione Cariplo.

In tutta Italia le compravendite di abitazioni si attesteranno poco sotto le 545 mila e considerando come termine di paragone il 2006, ultimo anno della fase espansiva, il mercato residenziale si è ridimensionato di circa il 36,6%, pari a oltre 300 mila contratti stipulati in meno.

“Dopo la variazione annua del +16% registrata a fine 2016, si stima una significativa riduzione della crescita delle compravendite, che dovrebbe attestarsi nell’ordine del +5% a esito delle dinamiche che hanno interessato il segmento abitativo (+5,5%) e quello terziario e commerciale (+2,2%)”.

Eccezion fatta per il mercato di Milano che si presenta atipico presentando un incremento dei prezzi in tutti i segmenti e una crescita delle compravendite.

Il mercato immobiliare milanese ha confermato, nel corso della seconda metà dell’anno, le dinamiche espansive del comparto abitativo. La crescita delle compravendite di abitazioni è infatti proseguita anche durante il 2017, seppur con tassi di crescita fisiologicamente più contenuti rispetto all’anno precedente, sostenuta da un miglioramento di tutti gli indicatori di mercato.