Mps, Coop chiede 137 milioni di danni per prospetti falsi

12 Agosto 2016, di Alberto Battaglia

Coop Centro Italia, una delle grandi cooperative aderenti a Coop Italia, e la controllata Coofin srl hanno chiesto 137,1 milioni di danni complessivi a Mps, unitamente a Consob, “assumendo essenzialmente la falsità dei prospetti informativi” degli aumenti di capitale fatti nel 2008, 2011 e 2014. È quanto si legge nella relazione semestrale Mps, dove emergono altre richieste danni all’istituto per 97 milioni (da 125 soci) e per 49 milioni (in 12 diverse cause).
Compare anche la società incaricata della riscossione tributaria in Sicilia (Riscossione Sicilia) fra quelle che puntano a un risarcimento da Mps, di 106,8 milioni. Citata a Palermo, alla banca senese vengono contestate “le previsioni contrattuali inerenti” la cessione a Riscossione Sicilia della partecipazione già detenuta dalla banca in Monte Paschi Serit spa, e “chiede ora la condanna della Banca a titolo di responsabilità contrattuale per asserite sopravvenienze passive di Monte Paschi Serit spa/Serit Sicilia spa”.