Mosca: prende 4 ostaggi e minaccia un’esplosione in una filiale della Citibank

25 Agosto 2016, di Mariangela Tessa

ROMA (WSI) – Si è consegnato alla polizia, l’uomo che ieri aveva preso degli ostaggi e aveva minacciato di provocare un’esplosione in una filiale della Citibank nel centro di Mosca.

Lo riferiscono i media locali, spiegando che tra i quattro ostaggi c’erano  due donne, una delle quali incinta. Gli agenti hanno poi scoperto che l’uomo era in possesso di una bomba finta.

Prima di entrare nell’istituto di credito, l’assalitore, un imprenditore in difficoltà a causa dei debiti contratti con le banche, si era rivolto al presidente Vladimir Putin in un video messaggio postato sui social:

“In Russia c’è un problema, simile a un’ondata di colera: i fallimenti di società e imprenditori”, ha detto chiedendo di “introdurre a livello statale il concetto di bancarotta di persone fisiche e giuridiche e creare a livello locale un’agenzia che si occupi di questi problemi, i problemi dei debitori”.