Moody’s, contrasti Fmi-Ue su Grecia sono ‘credit negative’

10 Febbraio 2017, di Alberto Battaglia

L’agenzia di rating Moody’s ha affermato che la condizione di “impasse” fra il “Fondo monetario internazionale e gli stati membri dell’Eurozona che sono i principali creditori della Grecia è ‘credit negative’ per le emissioni sovrane perché aumenta la probabilità di uno più riusultati sfavorevoli”; a firmare questa nota è stata Kathrin Muehlbronner, Senior vice president presso Moody’s Investors Service. Secondo l’agenzia di rating l’accordo sul debito greco con i creditori internazionali potrebbe essere rinegoziato, con aumentate probabilità, dopo le elezioni federali tedesche di settembre. Nel frattempo il rendimento dei titoli decennali greci sta scendendo del 5.52%, quello del titolo a scadenza biennale cede invece il 13.78%. Per quanto riguarda il titolo a 2 anni giovedì il rendimento aveva toccato quota 10% sulla scia dei contrasti fra Fmi e Ue.