Migliaia di licenziamenti in arrivo per Shell, Microsoft e Intel

26 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

Nelle ultime ore sono stati annunciati tre piani di licenziamenti che riguarderanno la compagnia petrolifera Shell, Microsoft e, in misura inferiore, Intel. Nello specifico Shell ha annunciato il taglio di 2.200 posti di lavoro entro la fine dell’anno a causa della congiuntura difficile per il settore energetico; dall’inizio del 2015 alla fine del 2016 i tagli della società saranno almeno 12.500.

Microsoft, invece ha disposto 1.850 licenziamenti nella sua divisione dedicata alla telefonia, 1.350 dei quali saranno localizzati in Finlandia, patria dell’acquisita Nokia.

Infine Intel, altro marchio legato al settore tecnologico, taglierà 300-350 posti di lavoro in Germania, dove l’azienda impiega circa 1.300 persone.