Marò, per liberarli India chiese in cambio dossier sui Gandhi

4 Febbraio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YROK (WSI) – Il governo indiano avrebbe offerto all’Italia di lasciare liberi i due marò arrestati nel 2012, Salvatore Latorre e Massimiliano Girone, in cambio di informazioni che collegassero la presidente del Partito del Congresso, Sonia Gandhi, e la sua famiglia alle presunte tangenti pagate per la fornitura all’India, poi bloccata, di dodici elicotteri Agusta/Westland.

E’ quanto avrebbe riferito da un agente segreto al quotidiano britannico Telegraph. Circostanze tutte da provare, ovviamente. Alcuni quotidiani sostengono che l’offerta sarebbe stata fatta dal primo ministro Narendra Modi a Renzi addirittura all’assemblea dell’Onu.

Sonia Gandhi è presidente dell’Indian National Congress e ha dominato la scena politica fino al 2014 quando ha perso le elezioni. Sonia e il figlio Raoul Gandhi restano tra i principali rivali politici di Modi