M&A, operatori europei ai primi posti nella classifica mondiale anche nel 2019

10 Febbraio 2020, di Alessandra Caparello

L’Europa è l’unica regione al mondo ad aver registrato una performance positiva in ambito M&A nel 2019. A dirlo gli ultimi risultati del Quarterly Deal Performance Monitor (QDPM), realizzato da Willis Towers Watson in collaborazione con Cass Business School secondo cui gli operatori europei  negli ultimi 12 mesi hanno leggermente superato l’indice regionale dello 0,6%.

Gli acquirenti del Nord America e dell’Asia-Pacifico continuano a faticare per sbloccare il valore delle loro operazioni, con performance che nel 2019 sono state al di sotto dell’indice regionale rispettivamente del 5,6% e del 3,2%.

Andrea Scaffidi, Head of Retirement Willis Towers Watson in Italia, ha dichiarato: “Mentre ci avviciniamo al termine del decennio, il 2019 mostra un forte calo del volume globale di transazioni, potenzialmente il ritmo più lento dal 2011, con un mercato più agitato e operatori alle prese con questioni di governance sempre più complesse per completare le transazioni”.