Le Pen non vuole pagare i 300mila euro richiesti dall’Ue

2 Febbraio 2017, di Alberto Battaglia

La leader del Front National, Marine Le Pen si è rifiutata di restituire i 300mila euro richiesti dall’Ue, somma che sarebbe stata spesa in modo irregolare tra il 2011 e il 2012. Nel dettaglio l’attuale candidata alla presidenza francese avrebbe retribuito lo staff del partito con denaro che sarebbe stato destinato esclusivamente al pagamento degli assistenti degli europarlamentari, relativamente ai compiti legislativi. La scadenza per il pagamento è martedì. Per il momento la Le Pen nega ogni accusa mossa dalle investigazioni comunitarie: è “una decisione unilaterale presa da oppositori politici… senza prova e senza aspettare un giudizio da parte della corte che io ho invocato”.
In caso di mancato pagamento alla leader francese verranno detratti circa 7mila euro complessivi al mese, fra salario e altri benefici Ue.