La fiducia delle famiglie francesi spegne l’ottimismo di Hollande

27 Aprile 2016, di Alberto Battaglia

L’indice di fiducia delle famiglie francesi, risultato ai minimi da otto mesi in aprile (in continuità con marzo), indica che il popolo francese sembra meno ottimista del loro presidente, Francois Hollande, che aveva parlato di una svolta in atto nell’economia della Francia. Dai dati dell’istituto di statistica nazionale è emerso anche che le aspettative negli standard di vita nei prossimi 12 mesi, da parte delle famiglie, sono scese per il quarto mese consecutivo, ai minimi dal gennaio 2015.

Inoltre salgono anche i timori legati al mercato del lavoro, il cui indice di “paura” è salito ai livelli di ottobre. In precedenza Hollande aveva legato la propria rielezione alla ripresa del mercato del lavoro.
Le previsioni degli analisti sul Pil francese restano inferiori a quelle del governo: 1,2% di crescita contro una stima ufficiale dell’1,5%. Con questi numeri resta difficile immaginare la svolta in un mercato del lavoro la cui disoccupazione a lungo termine è molto elevata: 580 giorni di disoccupazione, in media, prima di trovare un impiego.