Ivass: quattro milioni le polizze vita dormienti

23 Luglio 2021, di Alessandra Caparello

Sono 4 milioni le polizze vita italiane di cui le compagnie d’assicurazione che le hanno emesse non sono in grado di stabilire se i sottoscrittori siano ancora in vita o se il premio sia invece da pagare. Il dato è emerso durante l’audizione in Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario del segretario generale dell’Ivass, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, Stefano De Polis.

“L’incrocio dei dati con l’anagrafe tributaria nel 2018 ha permesso di risvegliare 208mila polizze dormienti e 3,8 miliardi di euro restituiti in pagamento”. Una media di circa 18.000 per posizione.

“Un ulteriore incrocio avvenuto nel 2019 – ha aggiunto De Polis – ha permesso di evidenziare altre 39mila polizze e la restituzione di 533 milioni di euro (una media di 13.660 euro per posizione ndr) mentre l’estensione dell’indagine alle compagnie Ue operanti in Italia ha risvegliato ulteriori 23mila polizze estere e 492 milioni di euro di premi da pagare (una media di 21.300 euro per posizione ndr)”.