Istat: a gennaio calo export Italia -2,2%

17 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – In calo nel mese di gennaio 2016 l’export. Su base mensile la flessione è stata 2,2% , a fronte di un calo delle importazioni, sempre su base mensile, -0,6%. A renderlo noto l’Istat nel comunicato mensile sul commercio dell’Italia con l’estero e sui prezzi all’import dei prodotti industriali, che integra le informazioni in precedenza contenute con analoga cadenza nei comunicati “Commercio estero” e “Prezzi all’importazione dei prodotti industriali”.

Secondo l’Istat il saldo commerciale dell’Italia è stato positivo, pari a 35 milioni. A pesare sul calo dell’export la contrazione delle vendite verso i mercati extra Ue che è scesa -6,3%, mentre le vendite verso i mercati Ue sono salite in modo contenuto, facendo +1,1%.

In calo le vendite di prodotti energetici che toccano un -22,2%, mentre la flessione degli acquisti dipende dal calo dei prodotti energetici (-15,8%), al netto dei quali invece si registra una crescita dell’1,3%.

L’export, nonostante il calo di gennaio, negli ultimi tre mesi è in crescita congiunturale dell’1,5%, con un incremento più ampio per i paesi extra Ue (+2,5%) rispetto a quelli Ue (+0,7%). Registrano l’aumento più consistente i beni di consumo non durevoli e quelli strumentali, rispettivamente +2,7% e +2,4%.