Inps, lavoro: dal 2008 venduti 277 milioni di voucher

12 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – E’ soprattutto nel Nord est dell’Italia che è maggiore il ricorso ai voucher Inps, i buoni lavoro che vengono usati per pagare le prestazioni di lavoro occasionali.

In base ai dati diffusi dall’Istituto nazionale di previdenza nell’aggiornamento all’Osservatorio sul Lavoro accessorio da agosto del 2008, mese in cui sono partiti in via sperimentale i voucher, al 31 dicembre dell’anno scorso sono stati venduti 277,2 milioni di voucher di importo nominale pari a 10 euro. Solo nel 2015 i voucher venduti sono stati 115,1 milioni, con un aumento rispetto al 2014 del 66% e hanno interessato 1.380.030 lavoratori (+36% rispetto al 2014). Ogni lavoratore ha riscosso in media 64 voucher.

A livello territoriale è soprattutto al Nord est che i voucher sono più diffusi con 104,3 milioni di buoni lavoro contro gli 81 milioni del Nord Ovest. La Regione nella quale si è avuto il maggior ricorso ai buoni lavoro è la Lombardia, con 47,5 milioni di voucher, seguono il Veneto, con 38,4 milioni, e l’Emilia-Romagna, con 34,2 milioni.