Grecia, parlamento formalizza ritorno dell’austerity

6 Novembre 2015, di Alessandra Caparello

ATENE (WSI) –  Via libera dal Parlamento greco al disegno di legge con le riforme richieste dalla Troika prima che l’Eurogruppo decida lunedì a Bruxelles se concedere una nuova tranche di aiuti da 86 miliardi di euro.

Tra le misure approvate il taglio all’importo delle pensioni grazie all’introduzione di un nuovo sistema di calcolo, l’obbligo per la Grecia di rispettare le norme di efficienza energetica previste dall’Ue, la cancellazione delle esenzioni fiscali per gli agricoltori, nonché l’avvio di un processo di privatizzazione dei grandi porti.

Tra le misure al vaglio del governo guidato da Alexis Tspiras anche la possibilità di salvare dal pignoramento le prime case sotto i 200mila euro (120mila per la Troika) e le misure alternative al tanto discusso prelievo Iva al 23% per la scuola privata che oggi è esente. Secondo il vice ministro delle Finanze, Tryfon Alexiadis, il governo presto annuncerà quali sono le misure che sostituiranno l’Iva sulla scuola privata.