Governo pronto a piegarsi a volere Ue: voci non confermate ma mercati corrono

12 Dicembre 2018, di Daniele Chicca

Le indiscrezioni secondo cui il governo italiano sarebbe pronto a piegarsi al volere Ue e accettare di imporre un deficit del 2% nella manovra finanziari per il 2019 piacciono ai mercati, con il Ftse MIB che guadagna l’1,7% sulle ali dei rialzi delle banche, mentre il rendimento del Btp decennale scende sotto il 3% (-13 punti base al 2,99%) per la prima volta da settembre.

.

Sempre sul secondario obbligazionario lo Spread di rendimento tra Italia e Germania si restringe mentre sul Forex l’euro si rafforza. Per la precisione, anche se l’esecutivo non ha confermato le indiscrezioni sulla proposta, il differenziale tra il tasso dei Btp di riferimento e quello dei titoli omologhi tedeschi (i Bund) si restringe sotto 273 punti base ai minimi da fine settembre.