Governo M5S-Lega, prima agenzia di rating europea: dubbi su economia e debito

22 Maggio 2018, di Daniele Chicca

La formazione del nuovo governo formato da M5S e Lega genera dubbi sull’outlook del debito sovrano e sulla traiettoria delle riforme in Italia e in tutta l’Eurozona, secondo Scope Ratings, la prima agenzia di rating in Europa. “Gli ultimi passi verso un nuovo governo anti-establishment in Italia presentano delle sfide per le prospettive economiche e del debito sovrano nel paese“, scrivono gli analisti Dennis Sheen e Giacomo Barisone.

“Insieme alla congestione istituzionale, la debolezza strutturale dell’economia italiana è dovuta alla scarsa crescita e al debito pubblico al 132% del Pil“, sottolineano gli strategist, aggiungendo che “la composizione e l’inesperienza del nuovo governo getta dei dubbi sull’impegno futuro del paese e sulla capacità di risolvere i problemi citati sopra”.

“Molte delle politiche concordate imporranno alle casse statali costi annuali extra pluri miliardari. Tuttavia molte delle proposte difficilmente vedranno la luce nella loro forma attuale e saranno ridimensionate se non bloccate” dal parlamento. Il contratto di governo prevede una flat tax con due aliquote del 15 e 20% su aziende e cittadini, lo stop alla riforma Fornero e il reddito minimo garantito del M5S. Tutte le misure espansive hanno un costo superiore ai 100 miliardi e nell’ordine dei 125 miliardi secondo le stime di Carlo Cottarelli.