Good bank: sofferenze stabili nel semestre, possibile scorporo crediti deteriorati

14 Ottobre 2016, di Laura Naka Antonelli

Pubblicata una nota delle quattro banche good bank nate dopo l’operazione di bail-in che ha interessato le quattro banche salvate con il decreto salva-banche del governo Renzi. Le quattro good bank sono Etruria, Marche, Carichieti, Carife.

“Nell’ambito delle trattative in corso per la cessione delle Good Banks, è possibile venga previsto lo scorporo e cessione di crediti deteriorati” (Npl).

Dalla nota emerge che le sofferenze sono risultate stabili nel primo semestre, passando dai 4,47 miliardi iniziali del dicembre 2015 ai 4,37 miliardi di giugno 2016.

Le quattro banche spiegano di fatto che lo stock di Crediti Deteriorati delle quattro ‘good bank’ (Etruria, Marche, Carife e Carichieti), inteso come complesso di Sofferenze, Inadempienze Probabili e scaduti deteriorati, “è rimasto sostanzialmente stabile nel corso del primo semestre del 2016″.

Nel dettaglio,”il valore totale dei crediti deteriorati lordi, che esclude le cessioni di sofferenze a Rev programmate sin dall’inizio, e in realizzazione in più sequenze, passa dai 4,47 miliardi iniziali del dicembre 2015 ai 4,37 miliardi di giugno 2016. Si tratta dunque di stock quasi interamente inclusi nelle Good Banks sin dall’avvio del Programma di Risoluzione approvato da DG Comp al 22 novembre 2015”.

Le percentuali di rettifica di Sofferenze ed Inadempienze probabili a fine giugno si posizionano rispettivamente a 63% e a 29%.