Giuseppe Vita: “Unicredit sarà una public company internazionale”

18 Aprile 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – L’Italia ha avuto alcune banche mal gestite, ma la maggior parte è ancora sana e solida. A dirlo Giuseppe Vita, presidente di Unicredit nel corso di un’intervista a Il Sole 24 Ore.

“Investire 13 miliardi in Italia è stato un grande atto di fiducia nel management, in UniCredit, ma anche nel sistema bancario italiano. E non è un fatto scontato, se pensiamo alla percezione generale. Che però è sbagliata: l’Italia ha avuto alcune banche mal gestite che hanno prodotto grandi danni e gravemente rovinato la reputazione del settore, ma la maggior parte è ancora sana e solida e ha contribuito con grande sforzo economico a ridurre tali danni”.

Dopo il recente aumento di capitale da 13 miliardi di euro, la banca guidata dal francese Jean Pierre Mustier, sta lavorando come sottolinea il presidente a definire il nuovo assetto.

“il nuovo azionariato ha una vocazione da vera public company internazionale che necessita di una struttura di governance più aperta al mercato (…) Alcuni elementi di novità sono già definiti, come la riduzione da 17 a 15 componenti del board (in origine erano 24, ndr), una sola vice presidenza, gli indipendenti ampiamente in maggioranza, un terzo di quote rosa. Altri importanti aspetti, compresi eventuali limiti al numero dei mandati dei consiglieri, sono ancora in fase di discussione”.